martedì 25 ottobre 2011

IMPRESSIONI E FOTO STAGE

Sono online le foto scattate allo Stage di Milano!
Il Maestro è stato come sempre eccezionale, straordinariamente paziente e disponibile anche nello spiegare ciò che in teoria dovrebbe essere colto senza parole...
L'atmosfera distesa e serena, ha favorito una pratica gioiosa ed attenta e lo Stage che ne è risultato è stato senza dubbio, come sempre, valida fonte di ispirazione e pratica per i prossimi mesi.
Attendiamo i vostri commenti, qui sul blog!

11 commenti:

Genko ha detto...

Non c’è niente da fare , quando arriva Lui , il Maestro Tada , quando senti la sua voce , quando pensi che non ti stia osservando… capisci che sé hai la fortuna di essere lì , in quel momento con Lui , comprendi che non è lì per insegnarti , che non ti spiega una tecnica ò come si mettono i piedi per terra , sei lì per un’ altro motivo…stai respirando con l’Universo , come vorrebbe lui . Grazie per quello che ogni volta ci regali . Genko

lollorod ha detto...

Sempre una bella esperienza gli stages, alla fine ero carico e con tanta voglia di fare aikido.
Il Maestro Tada più vigoroso che mai..avrà trovato il modo di ringiovanire..

Giulia ha detto...

Credo che definirei questo stage una fonte d'ispirazione... Forse perchè è stato il mio primo stage con Maestro Tada, o forse, più semplicemente, perchè questo week end sul tatami non abbiamo solo fatto un'esercizio tecnico ma abbiamo avuto la possibilità di vivere l'Aikido in maniera più intensa. ascoltando le parole del Maestro ci si rende conto che seguire la via dell'Aikido non significa semplicemente fare esercizio fisico per imparare ad eseguire delle tecniche ma significa fare propri gli insegnamenti e i principi filosofici che quest'arte magnifica contempla. E' bellissimo pensare di praticare non solo per migliorare il proprio modo di muoversi, di difendersi e di gestire il proprio corpo ma sopratutto per migliorare se stessi e il proprio modo di vivere e di affrontare le innumerevoli situzioni che la vita ci propone. E vedere la gioia e la serenità scaturire dalla forza dalla decisione e dalla precisione dei movimenti del Maestro è stata sicuramente una fonte d'ispirazione.

Anonimo ha detto...

Probabilmente l'importanza di ciò che si osserva la si coglie pienamente "a posteriori", o meglio così è capitato a me, dato che quello sguardo, pur non essendo mai diretto negli occhi di nessuno (essendo un'importante usanza giapponese), mi rimane impresso da domenica e mi fa riflettere. Mi rende conscio di aver assistito a qualcosa di indescrivibile a parole, ma che lascia un segno evidente in ognuno di noi, nel nostro "privato", e ci porta a meditare. E mi vengono in mente la sua serietà, la compostezza, la fugace risata (perchè no?), l'ordine, la precisione, l'energia... Fantastico era osservarlo quasi di nascosto (mi imbarazzava l'idea di essere beccato mentre lo guardavo spudoratamente) nei suoi gesti, mentre camminava tra la folla pensando a chissà che cosa e muovendo le mani, quasi a correggere i praticanti senza farsi notare... Grande forza, grande persona e grande spirito, mi son reso conto ben presto che non serve conoscerlo per capirlo, la sua energia la coglie anche il più inesperto dei neofiti.
Mi è stato detto < Lui è l'Aikido>, ma credo che non si attenga totalmente alla realtà; quello che insegna va al di là dell'aikido, forse quest'ultimo è solo un tramite per cercare di trasmettere a tutti quanti la capacità di trovare la "Via". E per imparare davvero, bisognerebbe guardarlo e ascoltarlo mille e mille altre volte ancora, con il beneficio del dubbio, che in realtà è certezza, di non essere stati in grado di cogliere abbastanza.

. E' una grande fortuna averlo come "fratello".

Enis

Anonimo ha detto...

Mi è stata cancellata una parte :-@

Siamo tutti, indistintamente, figli dell'universo... E' una grande fortuna averlo come "fratello"

Enis

Anonimo ha detto...

Senza parole. Tutte le volte… Senza parole.

Spesso mi si chiede dopo uno stage col Maestro Tada: “Allora, com’è andato? Ti è piaciuto?”

Esistono parole in grado di esprimere adeguatamente tutte le sfumature che con fare leggiadro e deciso il Maestro Tada sa dipingere?

Sfumature…. linee dell’anima, dello spirito, dell’energia dell’Universo.

Le sue mani, i sui piedi, il suo corpo… strumenti con cui egli “scrive” dell’Aikido. È il suo modo di parlare, nel silenzioso e caotico Universo, dell’Aikido. Non un arte marziale, ma una filosofia di vita basata sull’armonia universale, sulla chiarezza dell’anima. Come un calligrafo, esperto nell’arte dello Shodo, egli dipinge col suo corpo, con la sua anima, linee che possono essere decise, veloci o lente, sottili o spesse, ma contenenti sempre una forza, un energia: il Ki. L'istantaneità di quelle linee permette di registrare un ritratto del "cuore" di questo meraviglioso calligrafo.

Come si fa a non rimanere senza parole dinanzi a questo “cuore”, sempre in Armonia con l’Universo, inebriati da così tanta manifestazione di Amore?

Giorgio ha detto...

Tutti hanno la stessa sensazione,ovvero che il Maestro Tada riesca a trasmettere un qualcosa che va al di là delle parole e dei gesti.Energia e armonia che in un'uomo apperentemente ordinario si fondono in maniera starordinaria, è questa la sua vera forza e l'origine del suo eccezzionale carisma.
Siamo fortunati a poterlo vedere così da vicino e poter partecipare ai suoi stage.
Io personalmente mi sono divertito molto,ho trovato molto bello praticare con persone mai viste e con stili completamente diversi uno dall'altro,e respirare quel clima di armonia e gioia che lui più di tutti stimola.

K ha detto...

Da quando ho partecipato al mio primo stage con il Maestro Tada, ho capito che avere la fortuna di condividere il tatami con un uomo così straordinario, è una fortuna che voglio continuare a coltivare.
Leggendo i commenti dei miei amici mi sono ritrovata in ognuno di loro, e sono contenta che, anche chi è all'inizio di questo percorso o era la sua prima volta ad uno stage del Maestro Tada, abbia saputo cogliere la profondità e la concretezza delle parole che accompagnano la dimostrazione delle tecniche.
Ad ogni appuntamento col Maestro, mi sembra che la sua generosità stia diventando sempre più grande, affrontando argomenti e spiegazioni non sempre immediati o facili da capire, il tutto accompagnato da una padronanza della tecnica e del proprio corpo nello spazio che ho trovato solo in questo piccolo uomo giapponese che compirà 82 anni a breve...
"Io non vi sto spiegando l'aikido, io vi sto spiegando le leggi che regolano l'universo." così ha detto domenica, e so che è così.
Non mi resta che ringraziare e cogliere le occasioni che mi si presentano di condividere il tatami con lui.
Buon allenamento e baci da Roma!
(io son già qua ;-p)

Anonimo ha detto...

ciao ciao a tutti sono Marika...in realtà non so cosa sto combinando nel senso non so se ciò che scrivo arriverà perchè il mio rapporto con il pc è tutt'altro che il rapporto che ha Tada con l'universo...:-))) ...pero' ci provo.
Ho letto tutti i vostri commenti e sono contenta di avere scoperto in voi la stessa profondità che ho nutrito io durante lo stage ....mi sono avvicinata all'aikido nel 2005 per sviluppare il mio carattere visto che avevo paura della mia ombra. Avevo letto su un giornale di quest'arte marziale che tutti potevano praticare da donne a bambini, di qualsiasi età e peso e che allo stesso tempo non era troppo violenta...
Così mi armai di forza e coraggio e sola soletta con una timidezza spietata mi avviai all'IRAKUDO.
Il primo anno ero abbastanza scoraggiata perchè per quanto questa disciplina sia bella ed affascinante, la trovavo difficile...ma non mollai anche perchè ormai ero affezionata al Maestro ed a tutto quanto il gruppo.
Mi affascinavano i discorsi sull'energia e sul tanden, e quando ho fatto il primo stage a Roma con il maestro TADA, ho capito che l'aikido era parte ormai della mia vita.
Non solo tecniche e movimenti, ma questo tutt'uno con l?universo che Lui ci vuole insegnare è, secondo me , importantissimo e fondamentale per una vita serena e salutare. Niente forza sulle tecniche, niente rancore o odio con chi ci attacca, Noi siamo tante querce che vivono pacifiche e silenziose, e resistenti e irremovibili contro ogni "attacco. Spesso leggo i versi della forza e dell'energia che Tada recita ad ogni stage e penso...chissà se un giorno potrò essere come Lui anche solo in un 1% di percentuale ??

Luciana ha detto...

Bellissime voi e ovviamente fare aikido con voi!
Tante belle cose!
Belle foto, vorrei essere li!
A presto
:0)

Aikido Torino ha detto...

Ciao Luciana!
Bellissimo trovare il tuo commento.
Speriamo di rivedere anche te in persona presto o tardi.
Un abbraccio col Tanden!